Menu

Altruisti si diventa

Se vi è piaciuto il film Quasi Amici potrebbe non deludervi Altruisti si diventa, il film del 2016 di Rob Burnett con Paul Rudd, Craig Roberts e Selena Gomez.

La daysperience n°337 di oggi?

Il buco più profondo del mondo.

Ben è un ex-scrittore che ha “appeso” la penna al chiodo dopo il divorzio e una tragedia in famiglia.

Svuotato nell’animo decide di iscriversi ad un corso per diventare cargiver. Il cargiver è una persona che presta assistenza a un’altra malata o disabile nelle sue attività quotidiane.

Ben otterrà il suo primo lavoro da Trevor, un ragazzo con la distrofia muscolare di Duchenne.

Il ragazzo affronta la vita con grande ironia ma è deciso a rimanere nella propria abitazione lontano dal mondo guardando la TV e segnando su una cartina i luoghi dove ci sono delle cose da record come la fossa più profonda al mondo.

Ben decide quindi di portare il ragazzo a vedere la famosa fossa in un viaggio on the road durante il quale incroceranno altri personaggi.

Il film tratto dal romanzo The Revised Fundamentals of Caregiving di Jonathan Evison è sicuramente un buon film per trascorrere 90 minuti e per vedere un film che non si è mai visto e strappa qualche sorriso lungo la strada.

La nota più interessante è, a mio giudizio il tema del ritrovare se stessi anche dopo fatti tragici che segnano l’esistenza ma il film non prende mai quota veramente, lo stesso viaggio non ha grossi momenti ne di divertimento ne di riflessione.

Se l’intento era quello di far riflettere e, ci potevano essere dei buoni spunti, non sono emersi con forza.

E’ impossibile con una trama come questa non dover fare i conti con Quasi Amici di Olivier Nakache e Eric Toledano dove i due personaggi instaurano si un’amicizia non convenzionale, ma al tempo stesso rappresentano anche la stessa società francese divisa tra differenze culturali ed economiche ma, dove pur provenendo da realtà diverse i personaggi si scoprono inevitabilmente uniti, perché gli uni hanno bisogno degli altri per sopravvivere.

Bologna 2019-12-03

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *