Menu

Collateral Beauty

Ho già parlato in altre occasioni del famoso libro Partire dal perché di Simon Sinek, trovare il proprio perchè nella vita così come nelle scelte è il passo più importante per raggiungere i propri obiettivi, il successo e la felicità.

Il film che ho visto oggi parte proprio da un monologo del protagonista, Howard Inlet, iterpretato da Will Smith, in cui descrive i tre perché più importanti della vita e quindi dei suoi clienti.

La daysperience n°329 di oggi?

Amore, Tempo, Morte.

E’ un film del 2016 diretto da David Frankel con Will Smith, Keira Knightley, Edward  Norton, Kate Winslet, Helen Mirren e Michael Peña.

Howard è un brillante pubblicitario ma dopo la morte della piccola figlia entra in uno stato di profonda depressione rinunciando al lavoro e alle comuni attività della vita.

Gli amici e colleghi con cui ha fondato la sua società sono molto preoccupati per le sorti dell’uomo e dell’azienda che ha molti dipendenti.

Scoprono che l’uomo scrive delle lettere a entità astratte quali, Morte, Tempo e Amore ed escogitano un piano affinché le tre entità gli facciano visita e lo costringano ad esprimere il suo dolore.

Nel frattempo l’uomo inizia a frequentare un gruppo di sostegno per genitori che hanno perso i figli e qui conosce Madeleine che ha perso la sua bambina,Olivia di sei anni.

E’ un film commovente che è stato bistrattato dalla critica per due motivi.

In primis il cast, da attori di questo calibro, abbiamo tre premi oscar (se si conta anche il regista) ci si aspetta un film di grande respiro che tocchi alti livelli di recitazione e invece a parte Will Smith, che conferma di avere un grande talento in questo genere introspettivo rispetto agli esordi comici, il resto del cast è in ombra.

In secondo luogo il tema principale, la bellezza collaterale dovrebbe essere la chiave di lettura che sblocca il dramma in atto in ogni personaggio eppure viene solo citata un paio di volte lasciando lo spettatore nel dubbio.

Insomma un pò di amaro in bocca per ciò che poteva essere questa pellicola.

Bologna 2019-11-25

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *