Menu

Il questionario di Proust

A Marcel Proust (1871-1922) autore del celebre romanzo Alla ricerca del tempo perduto si deve la diffusione di un particolare questionario.

La daysperience n°388 di oggi?

Come nei salotti di fine Ottocento.

Era solito infatti nei salotti di fine secolo intrattenere gli ospiti facendoli rispondere a queste domande. Un gioco a cui fu sottoposto lo scrittore dalla sua amica Antoinette Faure.

Anni dopo il questionario fu rinvenuto e pubblicato e lo stesso Proust volle riscriverne e pubblicarne una seconda versione aggiornando le sue risposte.

Sia la prima che la seconda versione si possono facilmente trovare su internet io ho deciso di riscrivere e rispondere alle domande.

Non è un test psicologico ma è molto interessante per conoscersi o per conoscere qualcuno infatti tale test è poi stato proposto da diverse trasmissioni televisive ai loro ospiti o da riviste come Vanity Fair attraverso la quale ne sono venuto a conoscenza.

Attenendomi alle domande del secondo questionario sviluppato da Proust vi riporto le domande con le mie risposte.

1_Il tratto principale del mio carattere.

La curiosità

2_La qualità che desidero in un uomo.

La capacità di raggiungere i propri obiettivi.

3_La qualità che preferisco in una donna.

Il rispetto di se stessa.

4_Quel che apprezzo di più nei miei amici.

L’amicizia senza secondi fini.

5_Il mio principale difetto.

Mi annoia la normalità.

6_La mia occupazione preferita.

La scoperta di nuove cose 🙂

7_Il mio sogno di felicità.

Sentirsi appagati con poco.

8_Quale sarebbe, per me, la più grande disgrazia.

Non lasciare alcuna traccia al mondo.

9_Quel che vorrei essere.

Una persona pienamente consapevole.

10_Il paese dove vorrei vivere.

Un Paese dove non si giudicano le persone.

11_Il colore che preferisco.

Il colore del cielo al tramonto.

12_Il fiore che amo.

I girasoli di Van Gogh

13_L’uccello che preferisco.

Il gabbiano Jonathan Livingston.

14_I miei autori preferiti in prosa.

George Orwell e Paulo Coelho

15_I miei poeti preferiti.

Non ho ancora investigato bene l’argomento.

16_I miei eroi nella finzione.

Lo psicologo del libro di Viktor E. Frankl (sono la stessa persona)

17_Le mie eroine preferite nella finzione.

Lee Israel di Copia Originale.

18_I miei compositori preferiti.

Bach e Mozart.

19_I miei pittori preferiti.

Leonardo Da Vinci, Caravaggio, Van Gogh e Picasso.

20_I miei eroi nella vita reale.

Medici senza frontiere.

21_Le mie eroine nella storia.

Elisabetta I.

22_I miei nomi preferiti.

Libero e Aria.

23_Quel che detesto più di tutto.

La presunzione

24_I personaggi storici che disprezzo di più.

A.H.

25_L’impresa militare che ammiro di più.

Quella che non si è fatta.

26_La riforma che apprezzo di più.

Tutte le riforme sui diritti di uguaglianza.

27_Il dono di natura che vorrei avere.

Una voce squillante 🙂

28_Come vorrei morire.

Senza rimpianti.

29_Stato attuale del mio animo.

In Evoluzione.

30_Le colpe che mi ispirano maggiore indulgenza.

Quelle legate ai piaceri della vita.

31_Il mio motto.

Ogni giorno un passo in più.

Se vi è piaciuto ora tocca a voi.

Bologna 2020-01-23

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *