Menu

La legge del Mercato

E’ un film francese del 2015 diretto da Stéphane Brizé. Anche questo film come The Company Men si interroga sulle conseguenze della crisi e i protagonisti devono adattarsi a nuove condizioni di vita.

La daysperience n°246 di oggi?

Lavoro e umanità.

Il cinquantunenne Thierry si ritrova disoccupato, con un figlio disabile che vuole studiare, una moglie amorevole e i tanti problemi che nascono quando si ha bisogno di lavorare e nonostante gli sforzi non si riesce a trovare quasi nulla. E’ una panoramica sulla triste routine che un disoccupato deve affrontare per ricollocarsi dopo un licenziamento, routine che diventa ancora più pesante se affrontata in tarda età.

Thierry faticosamente, dopo corsi di formazione infruttuosi e false speranze riesce a trovare lavoro nella security di un ipermercato. Qui deve controllare chi ruba, tra i clienti e tra i dipendenti.

Il protagonista scoprirà che il più delle volte queste persone si ritrovano a rubare non per divertimento ma per pura necessità. Persone anziane che non avevano mai rubato e che hanno fame o dipendenti con grossi problemi familiari che cercano di arrotondare la misera paga mensile.

Il film si concentra sul dilemma morale che scaturisce sul dover decidere quanto vale la vita di una persona di fronte a un reato, poichè spesso questi furti sono causa di licenziamento o di forti umiliazioni per chi viene colto per la prima volta con le mani nel sacco e non tutti riescono ad affrontarne le conseguenze.

Quanto si è disposti a fare per tenersi il tanto agognato posto di lavoro? E’ questa la spietata legge del mercato in una società che ci chiede di spendere sempre di più per sopravvivere mentre ci bombarda quotidianamente con i falsi miti dei soldi facili e della vita a cinque stelle.

Bologna 2019-09-03

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *