Menu

La migliore offerta

Tornatore e Morricone, basterebbero questi due nomi per avere la garanzia di qualità di un film e infatti questo è un bellissimo film. Ha avuto svariati riconoscimenti ma io non lo conoscevo e mi ci sono imbattuto per caso.

La daysperience n°198 di oggi?

Quanto vale la felicità?

E’ un film del 2012 di Giuseppe Tornatore con un bel cast di attori: Geoffrey Rush, Jim Sturgess, Sylvia Hoeks e Donald Sutherland. La sceneggiatura è già bellissima e a renderla ancora più speciale ci sono le musiche di Ennio Morricone.

Uno stimatissimo battitore d’aste vive in una lussuosa casa ma la sua vita è vuota. L’unica cosa che riesce a riempire questo vuoto è la sua collezione di ritratti di donne, quadri di autori famosi che ha raccolto durante la sua carriera.

Un giorno viene contattato telefonicamente da Claire, ricca e giovane ereditiera che vuole vendere gli oggetti d’arte rinvenuti nella sua villa. Claire è un personaggio ambiguo con una malattia misteriosa che non le permette di entrare in contatto con nessuna persona.

Virgil accetta di aiutare la ragazza ad organizzare un’asta per le opere della sua casa. Nella stessa ritrova i frammenti di un antico automa costruito dall’artista e visionario Jacques de Vaucanson.

La trama è un intreccio interessante e tocca diversi temi dal rapporto tra generazioni diverse al valore che attribuiamo agli oggetti e alle emozioni.

Abilissimo nel riconoscere il vero dal falso nel suo lavoro, il protagonista non è così abile nella vita e nei rapporti umani.

Togliere la polvere da una vecchia opera è come indossare degli occhiali da vista, ciò che avevamo visto con un filtro potrebbe essere molto diverso da ciò che è realmente.

Bologna 2019-07-17

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *