Menu

La società aperta

La società aperta e i suoi nemici è un saggio di Karl Popper del 1945, viene citato da Igor Sibaldi nel libro che ho letto, Il mondo dei desideri.

La daysperience n°579 di oggi?

Le due colonne.

Sibaldi utilizza questo escamotage ripreso dalla filosofia di Popper per condurci alla conoscenza delle differenze tra de-siderare e volere.

Lo schema è semplice. Abbiamo la colonna di sinistra e quella di destra.

In quella di sinistra ci sono risposte del primo tipo, ovvero le etichette che diamo a qualunque cosa o circostanza al mondo. Parole che usiamo perchè ci sono state insegnate e perchè ci è stato inculcato di interpretare il mondo attraverso le medesime risposte.

Nella colonna di destra avremo invece le risposte del secondo tipo ovvero quelle che stimolano il pensiero.

Le frasi che rispondono alle domande che ci poniamo in merito a ciò che percepiamo. Questo tipo di risposte spaventano perchè ci impongono di rispondere scavando dentro di noi per trovare una spiegazione al reale significato che attribuiamo all’etichetta della colonna di sinistra.

L’esperimento consiste nel guardarsi intorno e osservando un oggetto o una situazione darle un’etichetta della colonna di sinistra e scrivere una frase nella colonna di destra.

Per esempio potremmo vedere un “passante” (colonna di sinistra) che nella colonna di destra diventa “un uomo che cammina”. L’esperimento è interessante è può essere anche istruttivo finchè ci si riferisce a oggetti che vediamo intorno a noi ma cosa succede se nella colonna di sinistra iniziamo ad inserire parole come “soldi”, “sesso”, “amore”, “morte” e “vita”?

Per poter scrivere il corrispettivo di queste ultime parole bisogna porsi interrogativi più grandi e quindi magari iniziare a progettare come ci spiga l’autore.

Io oggi sto provando a farlo, provate anche voi e probabilmente scopriremo che ci sono altre opportunità oltre la colonna di sinistra.

Napoli 2020-08-01

English version

The Open Society

The Open Society and Its Enemies is a Karl Popper‘s essey written in 1945. There is a mention in the Igor Sibaldi‘s book, Il mondo dei desideri.

Daysperience n°579 ?

Two columns.

Sibaldi uses Popper’s philosophy to explain the difference between to wish and to want.

The scheme is simple. Two columns, right and left.

Left column: the first type of answer, words that we give to everything or every situation in the world. Words that we use because we have assumed by the society around us.

Right column: second type of answer, the one that stymulate our mind.

Sentences that answer about our feelings. This sort of answers scary us because to answer we have to found inside us those explications of the real mean so really different from the labels of the first column.

This experiment consists in watching around us and observing object things and situations and put a label that we” write in the left column and give a sentence for the same point to write in the right column.

For example, I could see a “passer-by” (left column) and in the right column I could translate passer-by with “a walking man”. The experiment is really interesting and instructive. When we have to translate simple things is ok but when we have to explain the meaning of some words we have to think deeply for example with words like “money”, “sex”, “love”, “death” or “life”.

We have to ask ourself big questions to explain those kinds of words. In this way, we can start to project our future as the author want to say.

Today I’m testing this, try to do the same and probably we can discover that we have other opportunities beyond the left column.

Napoli 2020-08-01

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *