Menu

Museo Ebraico

Tra le molteplici offerte museali di Bologna questo museo è sicuramente un museo da conoscere. Si trova nel Ghetto Ebraico in via Valdonica.

La daysperience n°118 di oggi?

Visita al Museo Ebraico di Bologna.

Il museo si trova all’interno del Ghetto Ebraico di Bologna.

Questo insieme di piccole stradine, porticati e facciate racconta la storia di una comunità, costretta a vivere in aree specifiche delle città italiane dallo Stato della Chiesa a partire dal 1556.

Gli ebrei di Bologna vissero qui fino al 1569, quando furono espulsi una prima volta, e poi nuovamente tra il 1586, quando fu loro permesso di rientrare in città, e il 1593, anno della cacciata definitiva. Solo in epoca napoleonica si ricostituì una comunità ma bisognerà aspettare l’Unità d’Italia per vedere il riconoscimento degli ebrei italiani come normali cittadini. Questo popolo ha una storia millenaria e questo museo cerca di rintracciare le fasi di questa storia ponendo particolare attenzione sulle comunità che hanno abitato Bologna e altre città dell’Emilia Romagna. Il museo è piccolo ma molto interessante non solo per le testimonianze storiche ma anche per le iniziative contemporanee. E’ il centro del dibattito culturale sulle tematiche afferenti l’ebraismo e ospita diverse opere di artisti contemporanei. In particolare mi hanno colpito due artisti. Paolo Amico che realizza disegni con penne a sfera che sono davvero inimitabili e Pietro D’Angelo che in occasione di Art City White Night del 2019 ha realizzato “L’ooservatrice di nuvole” per il Museo Ebraico. La sagoma di una bambina realizzata con graffette in acciao, fil rouge delle opere dell’artista, sdraiata accanto all’albero dei nomi degli ebrei emiliano bolognesi deportati nei campi di sterminio e mai più ritornati. La bambina osserva le nuvole, una riflessione sulla condizione dei bambini deportati e sulle loro speranze per il futuro.

Credo che una visita a un museo di questo tipo possa solo arricchire una persona, la storia degli ebrei è nota ma spesso non sappiamo che c’erano comunità di ebrei anche in piccoli centri dell’Italia e non conosciamo bene la loro storia.

Bologna 2019-04-28

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *