Menu

National flag

Il corso di inglese che frequento è un metodo basato su domande e risposte tra l’insegnante e lo studente. Spesso le domande si ripetono per alcune lezioni per poi passare a nuove domande, in modo che lo studente possa memorizzarr le risposte. Tra le domande delle ultime lezioni c’erano queste due: “What colour is the flag of your country?” e “Do you know the origin of your national flag?” I colori ovviamente li conoscevamo tutti ma l’origine nessuno era in grado di dirlo con precisione. Ho deciso quindi di colmare questa lacuna con questa daysperience.

La daysperience n°39 di oggi?

Scoprire la storia della bandiera italiana.

Ovviamente non vi riporto tutta la storia della bandiera ma giusto qualche spunto. L’intento delle daysperience che propongo non è quello di documentarvi e documentarmi a livello enciclopedico sulle cose ma di avere degli input sulle cose da conoscere, su luoghi da visitare e esperienze da fare.

Il tricolore italiano quale bandiera nazionale nasce a Reggio Emilia il 7 gennaio 1797. Nell’Italia del 1796 le repubbliche di ispirazione giacobina avevano quasi tutte bandiere con tre fasce verticali di ispirazione francese. Anche le legioni militari avevano stendardi simili in particolare quella lombarda aveva i tre colori bianco rosso e verde. Il bianco e rosso dello stemma comunale di Milano e il verde delle divise della Guardia Civica milanese. Successivamente anche la Legione Italiana adotto gli stessi stendardi. Nell’epoca napoleonica la bandiera viene avvertita non più come segno dinastico ma come simbolo del popolo. Dobbiamo aspettare la nascita della Repubblica e il decreto del 1946 che stabilì la foggia della bandiera inserito poi nell’art. 12 della Costituzione.

La storia l’ho letta dal sito del Quirinale se volete approfondire. Credo sia importante per una persona conoscere la storia dei simboli del proprio Stato. Probabilmente a scuola abbiamo letto qualcosa ma spesso non approfondito.

Meglio tardi che mai per farci una cultura sulle nostre origini.

Bologna 2019-02-08

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *