Menu

Nel blu dipinto di blu

Al Festival di Sanremo del ’58 il duetto Modugno-Dorelli conquistó il mondo con il ritornello di questa canzone, tra le più famose della musica italiana nel mondo. Scritta a quattro mani da Modugno e Francesco Migliacci, quest’ultimo sosteneva che l’idea del ritornello gli fosse venuta osservando il quadro Le coq rouge dans la nuit di Marc Chagall. Non si sa se la storia sia vera, fatto sta che il blu di Chagall è famosissimo come tutto l’uso del colore di questo grande artista.

La daysperience n°113 di oggi?

Sogno d’amore.

E’ intitolata così la mostra di Marc Chagall alla Chiesa di Santa Maria Maggiore alla Pietrasanta a Napoli. Oltre 150 opere dell’arista russo di origini ebraiche naturalizzato francese. Disegni, acquerelli e incisioni che raccontano l’opera di questo artista, al centro della sua ricerca l’amore, per la sua amata Bella, per la natura. Nella sua opera i ricordi d’infanzia e le tradizioni russe, l’impatto che i due conflitti mondiali ebbero sulla sua vita segnata dalla guerra e dall’esilio in quanto ebreo.

Nelle sue opere personaggi immaginari e reali che si mescolano in uno scenario fantastico dai colori improbabili, il circo si mescola a una realtà onirica.

“Ti piace Chagall?” “Tanto. Ti mostra come dovrebbe essere l’amore: fluttuare in un cielo blu scuro.””Con una capra che suona il violino””Oh,si, la felicità non è felicità senza una capra che suona il violino”. Questa la celebre conversazione tra Julia Roberts e Hugh Grant nel film Notthing Hill. Nel film si parlava del famoso quadro di Chagall La Mariee, ma anche in alcune opere esposte in questa mostra emerge la vibrante anima poetica di Chagall e le colorate pennellate dell’artista esprimono il concetto di essere innamorati, fluttare nell’aria.

Molto interessanti i lavori dell’artista per le illustrazioni che dovevano accompagnare l’opera di Jean de la Fontaine, celebre autore di favole con animali come protagonisti.

Le poetiche frasi dell’autore appaiono coloratissime tra gli spazi espositivi a guidare il visitatore tra le varie sezioni.

Oltre alle opere di Chagall è molto bella anche al cornice schelta, la Basilica del seicento è una delle più interessanti dal punto divista storico e artistico di Napoli. La mostra è visitabile fino al 30 Giugno 2019.

Napoli 2019-04-23

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *