Menu

Nel Medioevo

Arrivati per la prima volta a Bologna ci si accorge facilmente che è una città Medievale. Stradine strette e porticate, porte di accesso alla città e resti di cerchie murarie.

La daysperience n° 193 di oggi?

Il Museo Civico Medievale.

Il Palazzo Ghisilardi-Fava, che ospita questo museo ha un’antica origine. Fu costruito alla fine del ‘400. Si erge in una zona densa di stratificazione della città infatti esisteva una rocca imperiale che è stata inglobata nell’edificio e di cui è ancora possibile vedere i resti, visitando le sale del museo.

Le collezioni da cui provengono le opere offrono un cospiquo corpus di oggetti e manufatti che animano le 22 sale del museo. Dai manufatti altomedievali alla statua di Bonifacio VIII.

Il percorso ci accompagna fino agli inizi del Rinascimento con la sala dei bronzi tra cui spicca il modello del Nettuno di Giambologna per la fontana della Piazza più frequentata della città.

Lastre marmoree che abbellivano celebri sepolcri e arche stupiranno il visitatore per la raffinatezza nell’arte scultorea.

Per chi dovesse amare le armi non sarà sicuramente deluso dalla ricca collezione di armi medievali, armature e spade fino ad arrivare alle prime armi da fuoco e le collezioni provenienti dall’oriente per conoscere l’impero la forza militare dell’Impero Ottomano.

Completano la collezione i codici miniati di recente inseriti nel museo che attestano la fervida attività bolognese tra il XIII e il XVI sec. anche in questa attività. I vetri murani altra specialità del territorio e la produzione di tessuti pregiati, damaschi, velluti e sete.

Un tuffo nel Medioevo è doveroso se si visita Bologna, che ha vissuto intense vicende storico-artistiche proprio in questi secoli.

Bologna 2019-07-12

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *