Menu

Non sposate le mie figlie

E’ un film francese del 2014 diretto da Philippe de Chauveron. Anche questo film è disponibile su Raiplay.

E’ un film che tratta temi fino a pochi anni fa tabù ma che ormai sono all’ordine del giorno. L’integrazione razziale e i matrimoni misti la fanno da padrona in una Francia che si continua ad interrogare su questi temi mentre la popolazione di immigrati continua a crescere e ad integrarsi a suo modo.

Un film che ha riscosso un buon successo non solo in Francia ma in molti altri paesi, come l’Italia, paesi in cui il tema è caldo e attuale più che mai.

La daysperience n°269 di oggi?

Una cena con ospiti dal Mondo.

Claude e Marie Verneuil sono una coppia borghese che vive poco distante dalla città in una bella tenuta. Hanno quattro figlie, le prime tre hanno sposato un ebreo, un arabo e un asiatico. I genitori tradizionalisti e “mediamente razzisti” sperano che almeno la quarta figlia sposi un cattolico e possa celebrare il matrimonio nell’ amata chiesa vicino casa.

Finalmente arriva il momento di conoscere il fidanzato della quarta figlia. I genitori sono entusiasti perchè è cattolico e si chiama Charles quello che ignorano è che di origini ivoriane. E’ la goccia che fa traboccare il vaso. Le liti tra familiari aumenteranno compromettendo anche la stessa coppia che ha amorevolmente cresciuto le quattro figlie.

E’ una commedia interessante perchè riesce a trattare tanti temi con una certa leggerezza dall’antisemitismo alla questione araba, dall’espansione commericale della Cina alla colonizzazione dell’Africa.

I dibattiti tra i protagonisti si muovono su campi minati e ne scaturisce un razzismo generalizzato non solo dei suoceri nei confronti dei generi ma anche tra i generi stessi che rivendicano le loro origini, talvolta scagliandosi gli uni contro gli altri a suon di clichè e luoghi comuni.

Alla fine si scopriranno tutti dalla stessa parte, dalla parte dell’amore e grazie a una cena riconciliatrice a base di piatti provenienti da tutto il mondo riusciranno ad appianare le loro divergenze e il matrimonio dell’ultima figlia potrà essere celebrato mettendo fine ai drammi che hanno accompagnato i preparativi.

Bologna 2019-09-26

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *