Menu

Planet or Plastic?

Saremo davvero costretti a scegliere un giorno tra queste due cose? E’ questo il tema su cui si interroga la mostra all’oratorio di Santa Maria della Vita in mostra fino al 22 Giugno.

La daysperience n°127 di oggi?

Mostra Planet or Plastic.

Salendo le scale di ingresso c’è questa immagine ovale, da lontano sembra un quadro astratto con tanti frammenti colorati avvicinandosi si percepiscono cosa sono questi frammenti, sono pezzi di plastica provenienti da tanti oggetti diversi e leggendo la descrizione si rimane sconcertati. 500 frammenti di plastica trovati nel tratto digestivo di un pulcino di albatro morto.

Diversi gli artisti che si sono cimentati nel fotografare i rapporto tra l’uomo e questo mondo che stiamo rendendo sempre più artificiale per l’uso delle plastiche. Plastiche per qualunque cosa ci circonda e che disperse nell’ambiente ci ritornano indietro come alimenti. Perchè i pesci le mangiano, involontariamente, soprattutto per le microplastiche e noi mangiamo loro. I rifiuti plastici stanno invadendo il mondo, un mondo che stiamo rendendo invivibile per noi e per le generazioni future come testimonia anche il documentario di National Geographic con protagonista Leonardo Di Caprio in veste di ambasciatore di questo tema, che è possibile vedere in una delle sale della mostra.

Questa mostra è toccante per chiunque abbia un minimo di sensibilità in merito alla propria salute e alle sorti del Pianeta. E’ una tragedia che si può fermare se ognuno si impegna quotidianamente a fare scelte diverse nel rapportarsi con i prodotti che utilizza.

Non possiamo più dormire sugli allori…

Bologna 2019-05-07

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *