Menu

Posh

E’ un film del 2014 di Lone Scherfig. Ambientato a Oxford nella più prestigiosa Università al Mondo, un gruppo di ragazzi appartenenti al più esclusivo club della facoltà sperimenteranno una notte brava destinata a segnare delle vite.

La daysperience n°233 di oggi?

Il Riot Club.

E’ questo il sottotitolo del film Posh. Ricchissimi, belli ed esageratamente viziati, i dieci componenti del Riot Club, il club più esclusivo di Oxford, si preparano alla cena di iniziazione più importante dell’anno.

Anche questo film, come i Segreti di Osage County viene da un’opera teatrale riadattata per il grande schermo e anche questo film è su RaiPlay.

La regista ritrae dei giovani rampolli dell’ upper class, spocchiosi, arroganti e viziati ponendo l’accento sul loro odio verso la classe borghese che secondo loro li giudica ma al tempo stesso li venera perchè vorrebbero essere come loro.

Tutto può essere comprato anche la vita delle persone. Un film drammatico che trova la sua escalation nella lunghissima cena finale, quasi metà del film, in cui i ragazzi si abbandonano ad alcol e droghe e alle più aberranti nefandezze.

Distruggono il pub che li ospita per poi accanirsi contro il propietario che rappresenta a pieno, secondo il loro punto di vista, quell’umanità che li disprezza solo per invidia di ciò che loro possono permettersi.

Alcune scene, le più cruente, sono state tagliate per presentare il film ad un pubblico più ampio e forse il film ne ha perso, in quanto il mix tra sconcerto e ribrezzo viene interrotto bruscamente quasi per un ritorno alla realtà dopo una scena che ricorda il più famoso Arancia Meccanica.

L’amaro in bocca rimane anche sul finale dove non c’è il lieto fine dei buoni contro i cattivi, ma questi ultimi, per il loro status sociale riescono ad uscire praticamente illesi da tutta la faccenda. Un finale che non soddisfa la morale ma che si avvicina più alla realtà e meno alla fiction.

Consigliato.

Bologna 2019-08-21

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *