Menu

Punto di vista

Le amiche che in questi giorni sto accompagnando in giro per Bologna volevano visitare il museo Mambo. Essendoci già stato più volte mai avrei pensato che potesse riservarmi una nuova daysperience.

La daysperience n°416 di oggi?

Cambiare Prospettiva.

Girando per il museo ho potuto rivedere le opere della sezione di arte contemporanea e la parte dedicata a Morandi.

Proprio alla fine della sezione dedicata al maestro delle nature morte mi sono avvicinato alle finestre del piano superiore del museo.

Osservando dall’alto la zona tra il Parco del Cavaticcio e i giardini John Kleman verso il Cassero mi sono accorto che ad animare lo spazio ci sono tre opere artistiche.

Allontanandomi leggermente dai vetri per fare una foto ho visto sulla parete del museo una sorta di mappa.

La mappa indica proprio le tre opere che si possono vedere nei giardini di fronte.

La Stella di Bologna di Gilberto Zorio sulla pavimentazione, l’opera Senza Titolo di Giuseppe Maraniello e nello specchio d’acqua lo Scudo con fontana di Mimmo Paladino.

In realtà i Giardini del Cavaticcio hanno ospitato e ospitano anche altre opere come i Totem di Arnaldo Pomodoro visibili nell’ingresso ai giardini da via Marconi.

E’ stato una bella scoperta, un qualcosa a cui non avevo fatto attenzione nella mia prima visita al museo ed è interessante come si possano scoprire cose nuove in luoghi già visitati.

E’ stata anche una novità per me vedere delle opere che fanno parte del museo collocate in una parte apparentemente scollegata alle tematiche dell’edificio.

E’ proprio vero che basta cambiare prospettiva o punto di vista per scoprire cose nuove, per meravigliarsi.

Bologna 2020-02-20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *