Menu

Safarà

Come di consueto quando sono a Napoli mi dedico alla lettura di qualche Dylan Dog che ho in “soffitta”.

La daysperience n°427 di oggi?

Gente che scompare.

E’ questo il titolo del numero 59 del 1996.

In questo episodio del famoso fumetto, la bella Melanie vive un incubo ad occhi aperti. Ogni volta che sta interagendo con qualche persona, questa, scompare nel nulla.

Ipotizzando una malattia mentale viene curata in una clinica psichiatrica ma tutto questo non serve a nulla ed esausta chiede aiuto al più famoso investigatore dell’occulto.

I due giungeranno ad un negozio di antiquariato, Safarà, gestito da un misterioso personaggio, Hamlin.

L’inquietante individuo vende ai due protagonisti un amuleto e una maschera che li porteranno in una realtà parallela.

Inizierà una rocambolesca avventura dove la realtà sarà un’illusione e bisognerà confrontarsi con se stessi.

L’episodio è davvero particolare, nei due mondi paralleli in cui si muovono i personaggi emergono riferimenti interessanti che ho potuto cogliere e che sottolineano la ricerca e la grande fantasia degli autori.

In una Londra con tanto di Big Ben e Colosseo un orologio ipnotico suona il Trillo del Diavolo di Tartini mentre una spaventa Melanie legge Leave me Alone di David Karp.

Dietro una porta può nascondersi la lotta tra una mostruosa luna e un verme gigantesco “figlio” del famoso alieno della serie Alien, mentre il propietario della misteriosa bottega, Hamlin che ricorda tanto il progenitore di molti vampiri, Nosferatu, vi porterà nella dimensione del Total Buio.

Napoli 2020-03-02

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *