Menu

Terraforming

Sono gli ultimi giorni della mostra di Geert Goiris al Salone Banca di Bologna di Palazzo de’Toschi. Devo dire che grazie alle daysperience sto andando a tantissime mostre ed eventi culturali. Ho sempre amato l’arte in tutte le sue forme però a volte la pigrizia e la stanchezza prendono il sopravvento e rimani nella tua comfort zone a non fare nulla in attesa del nulla. Le daysperience mi stanno spingendo a cercare e muovermi. Sono felice di questo. In occasione di Artefiera inoltre, la città è stata invasa di mostre ed eventi, molti anche gratuiti e quindi è stato facile trovarne ovunque. Quasi tutte le mostre sono terminate e mi hanno dato modo di entrare in diversi palazzi storici di Bologna bellissimi e altrimenti inaccessibili per il pubblico.

La daysperience n°53 di oggi?

La mostra in Banca.

Molte sedi di altre attività hanno messo a disposizione spazi per le mostre. E’ questo il caso di Banca di Bologna che ha messo a disposizione il Salone di Palazzo de’ Toschi per la mostra Terraforming Fantasies dell’artista belga Geert Goiris. Una serie di stampe fotografiche e videoinstallazioni all’interno di un progetto espositivo dell’architetto Kris Kimpe.

Il percorso è libero per lo spettatore che può scegliere come muoversi tra questi moduli esagonali su cui sono alloggiate le fotografie e in alcuni di essi si può entrare per vedere le videoinstallazioni. Il termine terraforming (terraformazione) è un progetto dell’artista sul futuro dell’umanità, magari su altri pianeti attraverso la manipolazione chimica degli elementi.

Goiris esamina un futuro fantascientifico ancora irrealizzabile dove l’uomo è stato costretto a colonizzare altri pianeti poichè ha distrutto quello dove abita. E’ una riflessione sul degenerare della questione ambientale e anche su temi non proprio lontani dal presente, quale la colonizzazione di Marte.


Mi sorge spontanea una riflessione. Utilizziamo badget stratosferici per chiederci se possiamo un giorno vivere su Marte o su altri Pianeti e non riusciamo a utilizzare gli stessi per sfruttare le fonti di energia alternative o per migliorare le condizioni sul nostro Pianeta?

Bologna 2019-02-22

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *