Menu

The Founder

Spesso mi imbatto in liste di cose da fare, libri da leggere, film da vedere almeno una volta nella vita e chi più ne ha più ne metta. Sfogliando una lista di film sul successo ho letto questo nome: The Founder, che stranamente in italiano non è stato tradotto in alcun modo.

La daysperience n°169 di oggi?

La storia di Ray Kroc.

Il film del 2016 racconta la vera storia dell’imprenditore Ray Kroc, interpretato da Michael Keaton. Un venditore di frullatori dell’Illinois incontra in California i due fratelli Dick e Dack McDonald. Questi ultimi hanno inventato un fast food con un sistema davvero rapido che gli consente di dare ai clienti ciò che hanno ordinato in 30 secondi anzichè 30 minuti come gli altri e con un rapporto qualità prezzo del tutto vantaggioso.

Ray fiuta immediatamente le potenzialità di questo tipo di vendita e a 52 anni, ancora desideroso di quell’opportunità che non è riuscito a trovare, ipoteca la casa con cui vive con la moglie per ottenere un prestito dalla banca e mettersi in società con i due fratelli.

Il protagonista ha grosse ambizioni per questa attività e sogna un’espansione a livello nazionale se non globale del marchio, ma i due fratelli sono ostili a questa diffusione capillare della loro creatura e preferirebbero che rimanesse confinata a pochi fast food. Nonostante la loro idea brillante non avevano quel fuoco che invece spinge Kroc oltre i limiti dell’immaginazione.

Nonostante le difficoltà familiari e i burrascosi rapporti con i due fratelli McDonald, restii a ogni nuova idee, Ray riesce ad acquisire il marchio spodestando i due inventori e a creare quella che oggi è una delle aziende più floride di tutti i tempi su scala globale.

E’ molto interessante la parte in cui il protagonista spiega le motivazioni alla base del successo. Non sono il genio o il talento e nemmeno l’educazione, la chiave del suo successo è stata la perseveranza.

Dopo i 50 anni molte persone si sentono finite, a volte anche prima, e non immaginerebbero mai di poter partire con 1600 dollari e fondare una società che ne vale miliardi, ma lui aveva una visione e ha lavorato duramente per realizzarla.

Bologna 2019-06-18

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *