Menu

Uniform

Sono tornato al Mast per vedere l’ultima mostra organizzata dalla Fondazione.

La daysperience n°411 di oggi?

Unform.

In un mondo in cui il confine tra pubblico e privato si fa sempre più labile e confuso questa mostra indaga sull’oggetto che per eccellenza può rappresentare senso di appartenenza o di separazione nei confronti dell’altro.

L’uniforme da lavoro o semplicemente Uniform, come il titolo della mostra del Mast visitabile fino al 3 Maggio, si carica di molteplici significati.

Vestire un’uniforme può significare vestire uno status sociale che si realizza attraverso diritti e doveri a cui fare seguito ma può significare anche lotta nei confronti dello stesso conformismo e nella volontà di espressione personale di se stessi.

I 600 scatti di 44 fotografi presentati dal curatore Urs Stahel fotografano un mondo variegato, fatto di volti e di atteggiamenti, dagli operai ai minatori, dagli impiegati ai dirigenti d’azienda. Nessuno è lasciato indietro, l’occhio del fotografo cattura i personaggi del lavoro in pausa o in posa.

Salgado, Agosti, Ritts, Gesicka, Gelpke, Tubke sono solo alcuni degli autori presenti fino ad arrivare alla monografia di Walead Beshty.

Mi ha molto colpito la foto di Sebastião Salgado dell’operaio della Safety Boss Company presso i pozzi petroliferi in Kwait durante una pausa e le foto ai minatori del fotografo cinese Song Chao.

Molto interessante anche il corpus di ritratti di Walead Beshty. Nel corso degli anni l’artista ha fotografato circa 1400 persone.

Nei 364 ritratti presentati al Mast ci sono tutte persone che l’artista ha incontrato durante la preparazione delle sue mostre. Curatori museali, assistenti, tecnici, galleristi, collezionisti etc.

In questi scatti si vuole rappresentare l’industria dell’arte e tutti i suoi protagonisti che pur non indossando una specifica uniforme e pur interagendo in ambenti che apparentemente negano le strutture gerarchiche sono anch’essi costretti in un complesso lavorativo che poco si discosta da latri ambiti.

Bologna 2020-02-15

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *